18 ago 2019

Gli eroi di Jurassic Beach


Foto © Jean-Marc Takagi


Una storia che ricorda Playa Grande.


Rubo il titolo ad uno dei miei racconti più amati perché questa storia sembra uscita da lì. Si sta svolgendo adesso, in questi giorni, in un arcipelago forse per noi remoto, ma la sua vicenda è emblematica. Lo è per gli attori, per lo scenario e per le dinamiche che la abitano.
C’è una baia che ricorda il Paradiso in Terra, con la vegetazione tropicale ai fianchi e alle spalle, costellata di calette dove rivoli e cascate scendono dalle montagne per gettarsi in mare. In fondo alla baia c’è una grande spiaggia attraversata da un piccolo fiume cristallino.

L’unica presenza umana è rivelata da un villaggio ormai semiabbandonato, dove vivono soltanto diciotto anime. Anime per lo più in pensione o indaffarate altrove. Riposano appena più numerosi i morti nel cimitero, con le sue tombe che guardano l’Oceano Pacifico.
La spiaggia si popola ogni tanto di surfisti, quasi tutti locali. Turismo di massa e mondo moderno sembravano aver ignorato quest’oasi preistorica che la gente dell’isola chiama affettuosamente Jurassic Beach. Ma il mondo moderno non tollera enclavi di passato, la sua dottrina è crescita, profitto, espansione. A discapito della bellezza e della biodiversità. Il mondo moderno usa tutti i mezzi, dalle minacce alla corruzione, dal sabotaggio alla falsificazione, delle notizie e dei documenti presentati per i suoi scopi.
Dove si svolge questa storia ve lo dirò più avanti. Sappiate che si svolge sul nostro pianeta. Chi ha letto Caraibi riconoscerà Julian, l’Eroe di Playa Grande e Alvaro, il boss della spiaggia. Perché tutto il mondo è paese davanti alla rapacità, come davanti al riscaldamento globale.

Foto © Tsuyoshi Satomura

Un muro di cemento.

Tra poco su Jurassic Beach lo costruiranno, quel muro. Sarà alto sei metri e mezzo e lungo quasi duecento. Ne volevano erigere uno lungo più del doppio. Sostengono che l’erosione della spiaggia minaccerà il villaggio. Ma non è vero: le foto presentate alla Prefettura di Kagoshima (ecco un altro suggerimento sul luogo) ritraggono la spiaggia nel momento della sua massima erosione dopo un tifone nel 2014. Quel tifone lì fu particolarmente violento. Il massimo della marea coincise col massimo della bassa pressione, con il massimo del vento e col massimo delle onde. E, probabilmente, col massimo dello sfruttamento della sua sabbia, perpetrato in mare e nel letto del fiume cristallino, a beneficio di una compagnia mineraria. Poi la spiaggia ha continuato a espandersi. Quella è l’unica spiaggia del Paese dove è stata fotografata una tartaruga liuto, la specie più grande del mondo (ovviamente in pericolo) nel 2002. Una spiaggia che sembra perfetta per deporre le uova, ma da tempo non vengono censiti nidi di tartaruga.



Il Paese è il Giappone, un paese tanto capace di stupirci per la sua tecnologia e organizzazione, per la gentilezza che trovi in strada, per l’arte e la cultura che ti sopraffanno. Quanto nel lasciarci basiti per certe posizioni sull’ambiente, soprattutto marino. D’altronde anche l’Italia lascia basito il resto del mondo per come tratta le sue risorse, naturali, umane e culturali.
L’isola è quella di Amami e fa parte dell’arcipelago delle Ryūkyū, un lungo arco che si stende dalle isole maggiori verso Taiwan per novecento chilometri. Okinawa, la più famosa, se ne sta quasi al centro dell’arco. Una storia antica e complessa, quella delle Ryūkyū, con una lingua ed una cultura che si differenziano da quelle del Giappone. Laggiù anche la religione indigena è diversa, e non è raro che ci si rivolga a una Yuta, una sciamana, per un consiglio sulle questioni importanti. Per moltissimi versi questa storia è identica a quella che ho ambientato ai Caraibi, con la differenza che la costruzione di un albergo sarebbe stato un bene, in questo caso.

Foto © Jean-Marc Takagi

L’eroe di Jurassic Beach

Ci sono più eroi, in questa vicenda, che si battono per proteggere una bellezza naturale ed un raro ecosistema dal cemento. Il più agguerrito di tutti si chiama Jean-Marc Takagi. Jean-Marc, come Julian, sarebbe pronto ad incatenarsi ai bulldozer pur di salvare quella spiaggia. Nato e cresciuto a Parigi, a sette anni amava la natura e sognava l’Amazzonia. Si domandava perché gli umani costruissero giungle di cemento. A diciotto anni scappa in Giappone, da cui ha origine la sua famiglia. Finisce alle Hawaii, a studiare ingegneria. Le facoltà di ingegneria delle Hawaii forse non sono le più famose del mondo, ma sicuramente lo sono le onde dei quell'arcipelago, dove Jean-Marc può praticare il surf, allora la sua attività preferita. Ci metterà qualche anno a trovare il luogo dove stabilirsi ed esprimere quel bisogno di contatto con la natura selvaggia, trasformandolo in quotidianità. Lo trova molti anni dopo, scandagliando le immagini di Google Earth.
“Amami, vista dal satellite, era l’isola più verde di tutte.”
Le spiagge della sua infanzia in Giappone erano state tutte erose, devastate dalla costruzione di moli e muri di cemento. Me le ha fatte vedere su Google Maps, le spiagge della sua infanzia, descrivendomi com’erano. E nel guardarle pensavo alle mie.
Il Giappone produce tanto cemento quanto ne producono gli Stati Uniti, con una popolazione di poco più di un terzo di quella americana e una superficie neanche lontanamente paragonabile. Lo produce e lo usa tutto: secondo alcune scale le coste giapponesi sono cementificate per oltre il 50% della loro estensione. L’isola di Amami non era certo esente da questo flagello, molte spiagge erano state ‘protette’ dall’erosione con muri di cemento, altre baie erano state trasformate in porti. Ma le montagne e la vegetazione fitta rendevano impervi molti dei suoi luoghi. Laggiù Jean-Marc si trasforma in guida naturalistica, accompagnando turisti in vere e proprie avventure in ambienti selvaggi, circondati da un raro ecosistema. Un ecosistema capace di ospitare specie ormai estinte altrove. La spiaggia di Katoku, Jurassic Beach, è ancora uno di quei luoghi selvaggi. Ma un giorno il mondo moderno si accorge della sua esistenza. E inizia a sfruttare le sue risorse in modo invisibile.
“I primi a notare cambiamento sono stati i surfisti. Le onde non rompevano allo stesso modo, era sparita il sand-bar la secca sabbiosa al largo. Non so dire se per la manipolazione del letto del fiume o per le attività illegali di una certa compagnia mineraria che prelevava la sabbia al largo, ma qualcosa era decisamente cambiato nel fondale già prima del tifone. La mancanza di quella secca sommersa ha dato via libera al mare. Non c’era più nulla a rompere le onde prima che s’avventassero sulla spiaggia.”

Foto © Jean-Marc Takagi

Per fare il vetro e il cemento serve sabbia. All’inizio la compagnia mineraria ha iniziato a prelevare dal letto del fiume, dove anni prima erano stati rinvenuti reperti del periodo Jōmon, corrispondente al nostro neolitico. Poi in mare, illegalmente, approfittando del buio della notte, qualcuno continua a prelevare illegalmente.
Le prove raccolte da Jean-Marc dopo il tifone del 2014 dimostrano che la spiaggia di Katoku subì un restringimento, ma poi ha ricominciato a espandersi. Artefice del miracolo è proprio quel fiume cristallino. Una volta lasciato in pace nel suo corso parallelo al mare, il fiume ha ripreso ad alimentare la spiaggia in tutta la sua lunghezza.
“Ci sono stati dei tentativi, documentati, di far tirare dritto il fiume verso il mare, scavando un canale perpendicolare alla spiaggia. Appellandoci alla legge sulla trasparenza in vigore in Giappone, insieme  alla Nature Conservation Society of Japan,  abbiamo richiesto la documentazione alla Prefettura sulle opere fluviali. Dopo non poche resistenze siamo entrai in possesso di immagini ritoccate o datate 2015, cioè successive agli interventi sul fiume e precedenti al riassestamento naturale della spiaggia. Hanno cominciato nel 2013, un anno e mezzo prima dell’evento di erosione, ma ci ha inviato solo documenti risalente al 2015."


"Le loro attività cessano ad aprile 2017, subito dopo che abbiamo iniziato a indagare. Penso si siano preoccupati molto. Malgrado le richieste non ci è stata fornita alcuna documentazione precedente al 2015, né alcuna spiegazione sul perché sono stati condotti gli scavi lungo il fiume. Tutti i nomi delle compagnie appaltatrici erano cancellati. Nessuno è stato in grado di fornire un motivo per quei lavori. Solo dati sui costi, ma nessuna spiegazione. E le uniche foto depositate in prefettura sono del 2015. Nessuna delle foto in Prefettura documenta la riespansione della spiaggia!”
La prima cosa che viene in mente è un atto di grande stupidità o inettitudine ma, va ricordato, questi due pericolosi mali frequentano poco il Giappone. Jean-Marc ha un sospetto:
“I vecchi giapponesi mi raccontano che negli anni ’60 e ’70 i sabotaggi erano all’ordine del giorno. Le imprese costruttrici minavano i fianchi delle montagne per provocare frane e poi ottenere gli appalti per metterle in sicurezza.”
Già dal 2016, dopo che le intense piogge alimentarono il fiume, la spiaggia tornò ad espandersi. Ma il progetto del muro viene approvato lo stesso: quella di Katoku beach, sulle carte depositate, è un’espansione fantasma: le foto depositate, lo ricordo, sono tutte del 2015.
Jean-Marc e l’associazione Amami World Heritage, per pagare avvocati e professionisti in grado di raccogliere prove e dati di qualità, lanciano un crowdfunding. Contattano un ricercatore dell’Università di Okinawa, un biologo marino specializzato nella cementificazione delle coste. È stato testimone e relatore della scomparsa di vaste aree di corallo nella sua isola a causa delle barriere di cemento.

Foto © Jean-Marc Takagi


Cemento che uccide

In un paese flagellato da molti tifoni e qualche Tsunami, in previsione d’un aumento del livello dei mari, qualcuno può restare perplesso sull’opportunità di impedire la costruzione di un muro. Ma basta scandagliare alcune immagini, nella nostra memoria di vita vissuta, o di repertorio se non siamo avvezzi a lunghe spiagge selvagge, per accorgerci che davanti a ogni spiaggia veramente profonda non c’è mai un muro, di cemento o roccia che sia: dietro ogni grande spiaggia c’è sempre un fiume, o delle dune. O, come a Katoku, tutt’e due. Le dune sono un capolavoro di resilienza: non si oppongono alla forza dei venti o dei mari ma la assecondano. Compattate dalla vegetazione assorbono e rilasciano acqua e sabbia gradualmente. I dati raccolti dopo lo Tsunami del 2004 in Indonesia dimostrano che lungo le coste che ospitavano dune e mangrovie si sono verificati i danni minori. È questo il motivo per cui in alcuni laghi vengono impiantati dei canneti per proteggere coste e manufatti dall’erosione. Dune, mangrovie e canneti hanno la stessa efficacia dei muri di cemento, con una enorme differenza: in quelle piccole foreste naturali trovano cibo e riparo innumerevoli specie. Uccelli marini, insetti, pesci e piccoli anfibi usano foglie, steli, radici per deporre le loro uova, costruire nidi, allevare i piccoli al riparo dai predatori. Le dune soprattutto, come i fiumi, regolano l’umidità degli arenili mantenendo la sabbia compatta e pesante, pronta a resistere ai venti.


Nidi di tartaruga su Jurassic Beach


Due strane sorprese.

Il nostro ricercatore da Okinawa, dopo 15 ore di traghetto dormendo sulle stuoie, alla giapponese, sbarca sull’isola di Amami. Attraversa le montagne e finalmente giunge a Katoku, a Jurassic Beach. Come mette piede su quella spiaggia ha la prima sorpresa. Davanti a lui qualcosa che negli ultimi anni non era mai stato registrato. Trova ben otto nidi di tartaruga. Emersi da uno stargate. I rapporti degli anni precedenti, condotti da personale non specializzato, avevano registrato sistematicamente il valore zero davanti alla casella tartarughe. Zero nidi e zero avvistamenti di tartarughe in mare. Così per anni.
“Eppure i surfisti mi hanno detto di averne avvistate spesso in acqua. Eravamo in molti dell’idea che la spiaggia e le acque antistanti fossero una zona importante di riproduzione.” Riferisce Jean-Marc.
Se la prima sorpresa giunge gradita, nella seconda le cose prendono una piega sinistra. Il lavoro del ricercatore è anche quello di intervistare con metodo scientifico la comunità locale. Comincia col capo del villaggio. Ogni villaggio, in molte comunità, si munisce di un responsabile che si occupa di trattare con l’amministrazione pubblica e di disporre lavori, tra i quali il muro.
“Il capo villaggio? S’è rifiutato di parlare con me, mi ha scattato due foto e poi s’è chiuso in casa” mi ha raccontato il ricercatore.
Noi italiani sappiamo tutti cosa pensare davanti a un atteggiamento del genere. Pensiamo una parola sola. Mafia.
“È un tipo minaccioso e violento”
Un paio di testimoni l'hanno detto, ma non hanno voluto esporsi. Tra gli abitanti del villaggio solo uno si è schierato apertamente contro la costruzione del muro. Gli altri si son chiusi in uno strano silenzio.
“Qualcuno del nostro comitato, al di fuori del villaggio, si è ritirato. ‘Pensa al lavoro, al benessere della tua famiglia’, gli è stato detto. Il capovillaggio è il fratello di uno dei papaveri nel consiglio di amministrazione proprio di quella compagnia mineraria interessata alla zona” riferisce Jean-Marc.
Intanto però, le casseforme sono già in fila alle porte di Katoku. Attendono le betoniere. Volevano tagliare dei pandani in cima alle dune per favorire il transito dei pesanti mezzi. I pandani sono piante resistenti agli ambienti salini ed offrono un ottimo servizio alle spiagge: consolidano le dune.



Il granchio eremita viola.

“I pandani non sono una specie protetta - ha risposto la Prefettura - in compenso stanno argomentando su un’altra specie protetta che invece si nutre dei loro semi: il granchio eremita viola presente su questa spiaggia. È evidente quanto sfugga la big picture.”
Ma qui la mafia c’entra poco. C’entra semmai la cronica incapacità delle ‘moderne’ amministrazioni di confrontarsi non solo con la scienza, ma con le nozioni più elementari sulla natura. Un problema globale. Ma ci sono modi diversi di reagire allo stesso problema. Da noi sarebbero partiti subito i sassi e le molotov, gli attivisti di Amami invece hanno piantato altri pandani. Lo hanno fatto con l’aiuto  di una scuola elementare locale. Su quei germogli è stato posto un cartello:
“Questi pandani sono stati piantati dai bambini”
Nulla più di quel cartello ci parla del pianeta e in quali condizioni lo stiamo consegnando alle future generazioni, quelle di Greta Thunberg, che si trovano sfidare non ancora maggiorenni una natura devastata e un mondo politico che ignora i suoi problem. Un mondo in cui i prepotenti hanno libertà d’azione.






La sciamana

Una delle scuse per proteggere una manciata di case con un costoso muro è il cimitero. Un paio di anni fa a Yakushima, un’isola dello stesso arcipelago, ero rimasto colpito dalla meravigliosa vista di cui godeva un cimitero minuscolo. Da sopra un rilievo davanti alla spiaggia piccole steli di pietra sembravano godersi il respiro del mare. Restai in silenzio per chissà quanto. Che grande rispetto dei morti devono avere, m’ero detto, per non far sorgere qui sopra un Ryo-Kan, o un lussuoso eco-lodge. Sarebbe un posto magnifico per il turismo. Probabilmente, conclusi, questa è una cultura che conserva antiche tracce animiste. Non mi sbagliavo. La religione locale si basa su divinità che rispecchiano le forze naturali e il culto degli antenati. Non c’è da meravigliarsi, quindi, se a Katoku è stata interpellata una Yuta, una sciamana. Ma anche il suo verdetto è senza appello:
“Antenati e spiriti della natura non amano il cemento.”
Come andrà a finire lo sapremo solo dopo il 31 agosto. Quel giorno un giudice visiterà la spiaggia, parlerà con le persone presenti e si farà una coscienza.
Chissà se Jean-Marc, come Julian, dovrà incatenarsi ai bulldozer per evitare lo scempio. Io spero di no, ma in questo possiamo contribuire tutti, semplicemente firmando una petizione, che in un paese come il Giappone ha ancora il suo peso. Possiamo dare una mano promettendo di andare a visitarla, Jurassic-Beach, l’ultimo paradiso di Amami, ma di farlo solo se non ci sarà un muro di cemento. Possiamo sperare di trovare ancora quei cartelli, semisommersi dalle piante cresciute e divenute alte e più forti. Come la coscienza ambientale delle nuove generazioni.

Firma adesso la petizione http://change.katoku.org/



Quel che a Katoku succede naturalmente, in Olanda costa 87 milioni.

Jean-Mark Takagi Twitter: 

10 giu 2019

'Io sono il mare' in offerta fino al 10 luglio a 2,99



Tempo di vacanze tempo per leggere, in barca o sotto l'ombrellone. Il mio ultimo libro: 'Io sono il mare' (versione digitale) sarà in offerta fino al 10 luglio a 2,99 Euro invece di 4,99 su tutte le piattaforme.

dove-acquistarlo-formati-disponibili.html

'Io sono il mare' è stato presentato al DiveItaly di Ustica,
è stato l'oggetto di un PADI Webinar

Le recensioni più autorevoli:

Massimo Boyer su Scubazone n°34
Thomas, una figura carismatica benché scalcinata di istruttore sub, mentre cammina nel fango di una laguna incontra Bahira, una donna bellissima che gli si presenta come il mare. In prima persona gli racconta dei rischi che minacciano i reef, il pesce, tutti gli ecosistemi marini (rischi che, ahimè, conosciamo bene) e gli chiede aiuto. Vai, diventa madre, brevetta quanti più nuovi subacquei riesci a brevettare, infondi in loro il rispetto verso le creature marine, fai in modo che i tuoi seguaci diventino dei difensori del mare.
E Thomas si attrezza con compressore, attrezzature sub, carica tutto su una buffa ape fucsia, e inizia il suo viaggio verso sud, lungo le coste martoriate del Mar Rosso. Istruttore carismatico, profetico, guru suo malgrado (a tratti mi ricorda vagamente Brian di Nazareth nell’omonimo film dei Monty Python), si limita in realtà a quello che sa fare, e inizia a regalare ai suoi proseliti immersioni indimenticabili.

Si sparge la voce che Thomas guarisce dalle paure, cosa che non è sbagliata. In realtà chi mette la testa sott’acqua si libera di paure irrazionali, dell’immagine dei mostri “che ti tirano giù nell’abisso”, e grazie anche all’atteggiamento calmo e disincantato dell’istruttore dimentica anche altre paure più terrestri. Comincia un racconto on the road, fatto di immersioni, di incontri, di dialoghi illuminanti e di riflessioni agrodolci sullo stato degli oceani, riportato con realismo scientifico. Lascio a voi scoprirli.
Ben documentato, una lettura trascinante, l’unico rammarico che ho scrivendo queste righe è che saranno dei subacquei a leggermi, per lo più. Invece il libro è rivolto soprattutto a chi sub non è ancora. Bisognerebbe che veramente il verbo potesse essere diffuso presso i non sub, esortarli a vincere le loro paure, ma questa è un’altra storia. Ci vorrebbe Thomas!
http://www.scubazone.it/mag/scubazone-n-34/
Corriere del Ticino, il quotidiano in lingua italiana più diffuso in Svizzera.


L'offerta riguarderà solo la versione digitale, il prezzo del cartaceo resterà invariato.

https://iosonoilmare.blogspot.com/2017/06/dove-acquistarlo-formati-disponibili.html

Leggi tutte le recensioni
https://iosonoilmare.blogspot.com/search/label/recensioni

Ascolta il PADI Webinar
https://claudiodimanaoblog.blogspot.com/2018/02/il-mio-primo-webinar-vi-aspetto-in.html

Il trailer





5 giu 2019

World Environment Day



https://youtu.be/vbrjGPledsg

"È tempo di agire in modo deciso: il mio messaggio ai governi è chiaro: tassare l'inquinamento,  smettere di sovvenzionare i combustibili fossili e cessare la costruzione di nuove centrali a carbone, abbiamo bisogno di un'economia verde e non di un'economia grigia".
- Segretario generale, António Guterres 

Queste parole del Segretario generale, aprono la pagina web delle Nazioni Unite sul World Environmen Day, che cade oggi, 5 giugno.

La pagina ci ricorda quanto siamo stati capaci di modificare il nostro ambiente e come la scienza e la tecnologia ci hanno permesso di farlo su una scala senza precedenti.

Le Nazioni Unite, prosegue l'articolo, "sono consapevoli del fatto che la protezione e il miglioramento dell'ambiente umano sono una questione prioritaria, che riguarda il benessere delle popolazioni e lo sviluppo economico in tutto il mondo."

Ogni giorno assistiamo a ingenti perdite economiche e umane a causa dell'inquinamento e dell'emergenza climatica. Dall'emigrazione di massa all'impoverimento del suolo e dei mari, ogni giorno si combatte per sopravvivere in un pianeta che sta diventando sempre più ostile e sempre meno adatto al nostro benessere e alla nostra specie.

Greta Thunberg, con gli scioperi del venerdì, ha innescato un movimento globale che coinvolge i giovani delle scuole.

La vita sul nostro pianeta non si estinguerà, ma sta cambiando in modo imprevedibile, offrendoci scenari inimmaginabili e cui probabilmente non  saremo pronti. Leggi l'articolo

Alcuni scienziati avvertono che l'umanità potrebbe trovarsi davanti all'estinzione addirittura nel 2050

Questa è la conseguenza di anni di bugie e di occhi chiusi sui combustibili fossili, sulla plastica, sulla deforestazione, azione che ha portato beneficio a pochi azionisti arcimiliardari e guerre, desertificazione e povertà a gran parte degli abitanti del pianeta.




Il Sistema si è dimostrato incompatibile con la salute nostra e del pianeta.

Oggi è il momento di ricordarlo e di intraprendere azioni che dettino una brusca virata da questa rotta fallimentare.
Un compito che non può cadere tutto sui cittadini e sulla buona volontà del singolo. Il Segretario generale, António Guterres si è rivolto ai potenti della Terra, ricordandoci che è il clima la nostra peggiore preoccupazione.

Per approfondire:

https://www.un.org/en/events/environmentday/sgmessage.shtml

https://www.un.org/en/events/environmentday/index.shtml

https://www.imperialbulldog.com/2019/06/04/alga-marea-la-crisi-dei-caraibi-apre-nuovi-scenari-sul-futuro-dei-mari/

https://www.imperialbulldog.com/2019/02/21/clima-e-giovani-sul-piede-di-guerra/

https://www.imperialbulldog.com/2019/01/23/the-big-picture-come-farsi-scacciare-dalleden/

https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/31877-umanita-estinzione-studio?fbclid=IwAR1lTLN6zrJrRlRMn2z3y_6E1jBJwE-VzSZwoL_SCwBB0Cg-kzufxIuR3Fg


6 mar 2019

deco boys e figli di una shamandura - una storia di reciproche influenze




Questa è la storia di una band e di un libro, entrambi di successo, che si sono alimentati a vicenda.

I frequentatori di Sharm el Sheikh dei tempi che furono (quelli in cui tutti si lamentavano che era troppo affollata, e non c’erano pesci e gne-gne-gnè) avranno almeno sentito parlare dei Deco Boys. Il duo si divertiva a parodiare canzoni-tormentone in chiave subacquea e, ogni tanto, a scriverne di proprie. Si esibiva al Camel, al Pirate’s, al T2 e sulla terrazza dell'Ocean College, il Phoenix bar.
Shamandura Blues, Anarchy in the Reef e le stupende (anzi magistrali) I Will Survive  e Knocking on Adel’s Door sono roba loro. Quel duo è stato fonte d’ispirazione per Figli di una Shamandura. Ma a mia volta sono stato una delle loro fonti d’ispirazione.
Probabilmente la prima.

Era l’inverno del 1998. Mentre aspettavo in una saletta che il diving di Sheikh Coast decidesse se assumermi come staff ‘permanente’ mi venne in mente che la vita delle guide subacquee era un blues. Buttai giù due righe di testo. Siccome non sapevo scrivere la musica mandai a memoria un riff che, secondo me, ci stava tutto.
Tornando a casa, tutto contento con il nuovo lavoro in pugno (svernare a Sharm era difficile) passai da Thomas Chabanne, collega freelance del diving che stavo lasciando. Gli cantai il riff e le prime due strofe. Lui scoppiò a ridere e la sera stessa si presentò a casa mia con la chitarra. Il giorno dopo si unì Steve Turley, con un’amica. Ognuno aggiunse qualcosa al testo, un giro di chitarra, due parole in arabo, un fiocchetto qua, uno là, e quando tutto fu abbastanza colorito e presentabile decidemmo che si poteva affrontare il pubblico. Era nata ‘Shamandura blues’ , la prima canzone dei Deco-Boys.

Il primo bar a darci spago fu il Pirate’s. Eravamo solo io e Thomas. Steve, come al solito, ci aveva paccato. Fu un vero fiasco. Non rise nessuno. Ci applaudirono in due, ma perseverammo: lo scopo era divertirci ma anche puntare il dito sulle condizioni di lavoro degli istruttori e dei divemaster, sulla sicurezza delle immersioni. La satira nasceva spontanea, sui valori condivisi dalla nostra comunità subacquea.
Steve, l’animale da palcoscenico, fece la differenza.  Ci presentammo in tre, stavolta al Camel bar. Io facevo il ‘rais’ con la kufya in testa e intervenivo sulle strofe in arabo. Fu un successo pazzesco. Chris, il manager del bar, ci offrì un fottio di birra gratis. Esham Gaber, big boss del Camel, venne a farci i complimenti.

- Ragazzi – disse – questo è il modo giusto di affrontare certi problemi! -

Un solo track, però, era poco per continuare a farsi offrire la birra ogni mercoledì. 
Steve e Thomas buttarono giù a tempo di record Anarchy in the Reef, sulla base dei Sex Pistols, e Polly Carbone, sulla base della più ritrita (e sfigatissima) ballata irlandese, e poi There are no Sharks in Jackson Reef. Ci misero meno di una settimana La mia presenza sul palco si faceva sempre più sporadica. Il mio contributo allo show e alla stesura era ormai marginale. Erano partiti in tromba, impossibile star loro dietro.


Ma la collaborazione non finì mai. Ci bastava un pomeriggio su in terrazza da Steve, una chitarra, mezza bottiglia di rarissimo Jack Daniel’s e il mare davanti. E a sera ‘Thistlegorm Slave Song’ era finito. Anche la bottiglia. A cena ci raggiunse Kaja, coinquilina di Steve. Ci bacchettò subito.

- Dovete metterci il nitrox – comandò – il Thistlegorm andrebbe fatto solo in Nitrox, almeno per le guide, e i diving centres devono capirlo! –

Detto fatto:
- Gimme Nitrox and me return to Thistlegorm – divenne l’ultima strofa.

E chissà se quella canzone, cantata davanti a fior di manager di diving centers, non abbia imposto la svolta epocale: nitrox per tutti. Almeno per le guide.
Avevo conosciuto Thomas per primo, ma fu con Steve che finii per abitare, anche se per neanche sei mesi. Lui era tornato dall’Honduras, io dalla Spagna, Franz dall’Australia e c’eravamo ritrovati tutti lì,  in quell’appartamento col terrazzo sul mare, fonte di ispirazione.
Fu lì che scrissi Figli di una Shamandura. Con quei pazzi intorno. Scrivevo di notte, ovviamente. Di giorno ero nell'acqua salata. Lui e Franz mi raccontavano altre storielle, i fatti della giornata, e io ci ricamavo su e aggiungevo, e aggiungevo. Lì, in quel secondo piano balconato di Sea Street nacquero altre due canzoni: ‘The Hundred Club’, e ‘Padi Drinking Tables’. Steve era fatto così: gli bastò dare un’occhiata a questo mio disegno in basso per tirare giù musica e testi esilaranti. 
E a me bastava ascoltare un loro nuovo testo graffiante per aggiungere un’altra scena, o un altro punto di vista, al libro.



Quel flusso magico non si fermò neanche quando andammo ad abitare ognuno per conto proprio, sempre rigorosamente sulla Sea Street. 
Un giorno, al Pirate's bar, sentii Steve lamentarsi di un dolorino alla spalla, e io gli cantai una strofa per sfotterlo: 
Knock knock knoking on Adel’s door… bussando alla porta del dott. Adel, il titolare della camera iperbarica. 
Il giorno dopo al Camel bar c’era gente con le lagrime agli occhi dal ridere.  Ne avevano fatto una canzone geniale, forse quella di maggior successo della band. Anche se per me la più bella è ‘I Wanna Dive Like You’, ispirata al Libro della giungla, la storia di un subacqueo senza speranza che con occhi trasognati osserva la fluida pinneggiata del divemaster mentre lui, dopo cinque minuti,  ha (di nuovo) 20 bar. 
In seguito me ne servii a man bassa, per farne un sacco di altre cose. Inclusa una canzone: Subacqueo.

I Deco Boys ebbero un successo strepitoso. Ormai davano veri e propri concerti, per centinaia di persone. Circolavano le loro magliette. Anche Figli di una Shamandura aveva fatto breccia in molti cuori. Alla presentazione del secondo libro, Cani Salati nel Profondo Blu, al Fanar si presentarono in cinquecento. Si andò avanti a ballare sui tavoli e sul bancone del bar fino alle due del mattino. Ormai seguivamo due rotte diverse, due filoni diversi, anche se Steve, in seguito, pubblicò anche lui due libri di successo. Ovviamente in Inglese.


https://www.amazon.com/Beyond-Light-Zone-Steve-Turley-ebook/dp/B01DH5LVDY/ref=sr_1_23?keywords=steve+turley&qid=1551893782&s=books&sr=1-23


Me l’ero quasi dimenticata, questa bella storia di reciproche influenze. Poi una settimana fa mi arriva un pacco dalla Germania. Era un pacco di Laura. Tornata da Sharm mi mandava due lattine di Stella e un DVD originale dei Deco-Boys.

Beh, non sto a dirvi che mi sono commosso. Quegli oggetti spuntavano in mezzo all’inverno, come una vecchia polaroid di quando eravamo convinti di vivere in paradiso. Convinti, con qualche ragione, di meritarcelo tutto.

Cheers.



Alcune canzoni dei deco-boys le trovate sul mio canale youtube








14 dic 2018

oroscopo sub 2019



Il 2019, con un Mercurio esuberante, sarà un anno all’insegna del riscaldamento globale. Finalmente potrai dire addio alla stagna, metterla su e-Bay e aspettare che l’acquisti un eschimese vegano. L’innalzamento dei mari e dei laghi elargirà immersioni direttamente dalla soglia di casa. Favoriti gli incontri con specie tropicali in Mediterraneo e i viaggi avventurosi. Erogatori senza glutine contro le intolleranze. Tisane ed estratti per tutti.




Ariete
Un Marte senza paura ti accompagnerà in immersione da aprile a novembre. Oserai immergerti nel Lago Vittoria in compagnia dei coccodrilli o sotto le cascate del Niagara. Attento a unirti a un buddy del Sagittario, il segno più casinista dello zodiaco dopo il tuo: è l’unico in grado di entusiasmarsi per i tuoi audaci propositi, domandati perché. Se non l’hai già fatto è il momento di iscriverti al DAN. Problemi con la Go-Pro a giugno. Perderai un chilo di zavorra a settembre. Favoriti gli incontri con subacquei russi. Robois con due chiodini di garofano per rilassarti dopo le immersioni più faticose.




Toro
Un ottimo Mercurio in Squalo Toro ti aprirà nuovi orizzonti con indimenticabili drift nello Zambesi. Per i meno avventurosi: laghetti nostrani o il solito Mar Rosso in offerta last minute. Il transito di Urano in D.i.r. incoraggerà l’acquisto di un nuovo schienalino per migliorare il trim. Favorite le immersioni al lago nei martedì pari, e nei blue hole nelle domeniche dispari. Incontri con mante o lucioperca  il 12 giugno. Evita di molestare i dugonghi durante tutto l’anno. Qualche malumore al prova-muta di inizio stagione. Bacche di Goji subito, per tenere sotto controllo peso e colesterolo.



Gemelli
È vero che siete in due, ma questo non giustifica l’immergersi da soli. Se ne hai abbastanza del tuo buddy sappi che una intrigante Venere favorirà incontri e relazioni con subacquei conosciuti al bar e in gommone. Se non trovi neanche un subacqueo in giro (anche noi siamo in estinzione) puoi convincere qualcuno che ti stuzzica a diventarlo regalandogli Io Sono Il Mare e un corso sub. Mercurio consiglia: immersioni al Paguro, sulla vivace riviera romagnola. Problemi con l’assetto a maggio. Spirografi per tutta l’estate. Alimenta la tua esuberanza con estratti di barbabietola cannella e zenzero.

Cancro
Un Plutone capriccioso provocherà tensioni con un buddy Scorpione. Evita di lasciarlo in acqua, se  lo ricorderà. Da Aprile in poi una dolcissima Venere in Pescespada ti condurrà in interminabili immersioni nel blu, alla ricerca dei mostri interiori. Attento ai calamari giganti, i cefalopodi adorano i crostacei. Ad agosto sinfonie di plancton e bioluminescenze notturne ti regaleranno attimi di poesia indimenticabile. Non corteggiare subacquei del Leone. Tutto bene con i Pesci. Centrifugati di sedano e cavolfiore con la luna piena. Regalati momenti rock leggendo Cani Salati nel Profondo Blu.



Leone
Un sole caldo e glorioso, complice il Gemelli Trump, renderà l’anno bollente. T’immergerai a febbraio con Di Caprio sul Great Barrier Reef per testimoniare gli effetti del riscaldamento globale. A giugno accetterai l’invito da Richard Branson e di Fabien Cousteau a bordo del sottomarino Stingray per esplorare i coralli di profondità. Ricorda che come tutti i gatti hai bisogno di dormire, occhio al jet-leg. Esalta il tuo carisma con la muta Bye-Bye Tonchino, in titanio rammaricato di Dolce & Gabbana. Nutri fascino ed energie con decotti acquosi di Reishi, il fungo giapponese dell’immortalità.


Vergine
Un Urano altalenante ma benvolo sosterrà la tua candidatura: sarai tu a condurre l’inventario delle specie aliene nel Mediterraneo. Saturno in sestile favorirà l’acquisto di una matita e di una lavagnetta subacquea. Per l’acquisto delle batterie del computer dovrai aspettare fino a maggio, quando Marte lascerà la fidanzata. Pesci leone a marzo nel Canale di Sicilia. Squali balena a giugno nel Golfo di Genova. Raggiungerai l’apice del successo a novembre, quando avvisterai l’ultimo mako a Marghera. Papaya fermentata per ristabilire calma ed equilibrio dopo le polemiche con un negazionista del Cancro.
Bilancia
Che ti piaccia o no a febbraio t’immergerai in Labrador tra i barracuda. Sarai testimone di una rinascita inaspettata. Se non sei pronto per questa missione lo sarai per la visione psichedelica di milioni di meduse, simbolo del cambiamento. Marte in transito su Bhinario-2 suggerisce di aprire bene il rubinetto della bombola tutto l’anno. Una Venere in Pinisi ti renderà irresistibile sulle barche indonesiane. Per non perdere le occasioni migliori indossa Czar, il computer di Swarovski, e coordinalo con una maschera di Dior o di Chanel. Tisane alla verbena e al tiglio negli intervalli di superficie.

Scorpione
I cunicoli in fondo ai seracchi del Perito Moreno aspettano l’ultimo visitatore prima di sciogliesi per sempre. Sarai tu l’ultimo subacqueo ad esplorarli. Un Plutone retrogado rallenterà il tuo addio alla stagna (e all’amata p-valve se sei un maschio). Consapevole dei piani del un buddy Cancro di abbandonarti in acqua, porterai con te un bombolino spare per ritardare la tua emersione e tenerlo sulle spine. Incontrearai un nuovo buddy al corso di Zumba. Favoriti gli incontri con foche leopardo. Sollazzati leggendo l’ultima coppia rimasta di Subacquei Cattivi sorseggiando infusi di semi di lampone.


Sagittario
Dato che su Marte c’è acqua, cercherai di convincere Elon Musk ad aprirci un diving center. Ci riuscirai a novembre, quando Giove entrerà nudo in giardino. Nel frattempo accontentati di alborelle o flabelline. Preparati ai viaggi spaziali con un corso di Aerial Training sull’amaca. Nettuno in Cintura dei Pesi ti regalerà momenti d’estasi con un assetto impeccabile nelle domeniche dispari da aprile a giugno. Regalati un erogatore fabbricato nel terzo millennio e attento a non dimenticare il computer a casa. Tisane depuranti al cardo per sciacquar via i tuoi soliti eccessi di azoto e sostanze tossiche.



Capricorno
Un Saturno creativo alimenterà una redditizia fantasia: la ricerca delle Go-Pro disperse lungo i fondali. Ne troverai due a marzo, cinque in giugno e ben dodici in ottobre, tutte funzionanti. Favoriti gli incontri con squali balena in Croazia. Lepri di mare a maggio. Ricordati di revisionare l’attrezzatura, l’ultima volta risale al 2003. Concediti immersioni relax fuggendo di nascosto a Ustica con un buddy conosciuto al corso di cardio-pilates. Un Giove critico in Gommone suggerisce immersioni dalla riva o dalla barca. Sarai in acqua più di ogni altro segno. Infusi di curcuma contro i reumatismi. 

Aquario
Nei fondali di Younaguni, ultima isola delle Ryukyu, arcipelago giapponese, ci sono strane formazioni rocciose che molti pensano siano manufatti alieni o testimonianze di Mu, il misterioso continente scomparso. Sarà compito della tua mente investigativa e non allineata capire la loro origine. Incontrerai gli ultimi martello della regione. Regalati un momento propiziatorio leggendo Cani Salati nel Profondo Blu, il capitolo del disco volante affondato. Scoprirai che i martello sono attratti da strane onde energetiche. Sostituisci la pasta con la quinoa e concediti un ragù vegetariano per una pelle luminosa.


Pesci
Il relitto ancora intatto nel Mar Nero ti affascina come una macchina del tempo. Ci andrai solo se sei seconda decade. Tutti gli altri s’immergeranno alle Medas, creando affollamenti a Dofì Sud. Pesci coniglio a settembre. L’incontro con una paramuricea ancora viva cambierà la tua visone pessimista. Una Venere molto ricreativa entrerà in PADI a maggio: se non lo sei già, ti iscriverai a un corso istruttori o divemaster. Se invece l’hai già fatto rileggerai Figli di una shamandura per dare un alibi ai tuoi piani di fuga in Mar Rosso. Estratti di sedano e porri per alimentare la tua creatività.


2018 © claudio di manao 
- vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza il consenso dell'autore -

offerto da:


disponibile online:

e in libreria

e da:



disponibile online:

e finalmente tornato in libreria!

8 dic 2018

a natale regala un libro, sostieni le librerie



Anche se non sei un lettore nel donare un libro ti prendi cura dei sogni e delle emozioni dell’altra persona. Un libro è capace di aprire nuovi orizzonti, più del cinema e della tv, di un post. Un libro è sempre un regalo personale.

E se lo compri da una libreria indipendente vai a sostenere una realtà culturale che sta velocemente scomparendo dal territorio. Le piccole librerie sono dei veri hub, luoghi d’incontro tra la vita di quartiere e la cultura. Dietro il bancone di queste realtà ci sono persone appassionate, persone che leggono davvero i testi che espongono sugli scaffali, capaci di preziosi suggerimenti. Ma anche capaci di sostenere e di lanciare autori indipendenti (come hanno fatto con me le librerie dedicate al mare) e di organizzare eventi intorno a idee e personaggi straordinari.

Sono persone che combattono contro una realtà schiacciante, che è quella di Amazon, dei potenti gruppi di distribuzione e delle grosse catene in franchising, ma che conoscono il loro mestiere meglio di chiunque altro. Lo conoscono perché lo amano e gli dedicano tempo, dedicano tempo al lettore quanto allo scrittore indipendente, all'assortimento e al prodotto.
A loro va il mio grazie per il sostegno, la disponibilità, i consigli e per la loro capacità di saper aggregare persone e idee intorno ai temi del cuore.

Buon Natale a tutti.

Claudio


https://www.libreriadelmare.it/

https://www.ilmare.com/

https://www.scubamarket.it/categoria-prodotto/libri-subacquea/

da oggi 

Io Sono Il MareCani Salati nel Profondo Blu
sono disponibili (o ordinabili) presso tutte le librerie



4 dic 2018

nazaré


"...ma la paura che ci fa quel mare scuro che si muove anche di notte e non sta fermo mai"

Se penso al Portogallo mi viene in mente Wim Wenders, e quell'hotel eroso dall'Oceano ne 'Lo stato delle cose'. Mi vengono in mente antiche stampe di pescatori che spingono a braccia le loro lance. Un mare, quello oltre le Colonne d'Ercole, che è amico dell'Uomo quanto lo è la montagna: per niente.

Il mio viaggio inizia da lì, dall'inquietudine che (l'ammetto) fatico a condividere con la gente di pianura, ma c'è, è innegabile: solo un polinesiano può non averla. Lisbona può attendere. Sono appena arrivato ma a Nazaré si formano le onde più alte del pianeta e oggi è previsto un vento sui 40 nodi. Non m'aspetto l'onda del secolo. Le onde di quasi trenta metri non si formano per le condizioni locali, ma in Labrador. I marinai lo chiamano mare di fondo, la forza che una volta messa in moto fatica a estinguersi. L'onda oceanica monta lentamente, ma ha bisogno di giorni, settimane per placarsi. Si appiattisce e si stende, ma non si ferma mai.

La spiaggia a sud, davanti al paese, val bene una colazione, ma quello che succede dopo il promontorio è tutt'altra cosa. Oltre il promontorio c'è il paradiso dei surfisti. Un luogo che qualcun altro potrebbe chiamare inferno. Basta salire in cima al faro per capire di cosa si tratta. Il mare sembra bianco d'uovo montato. Il passaggio veloce delle nuvole lancia sprazzi di luce su una spiaggia che in Mediterraneo non vedremmo mai. Mi ricorda la Skeleton Coast, novemila chilometri più a sud, ma con lo stesso affaccio: l'Oceano Atlantico.

Le onde più alte del mondo si formano lì, a Nazaré, per una configurazione del fondale: un canyon sottomarino profondo duemila metri, una specie di imbuto che spara l'energia verso l'alto.
L'onda ha un sopra e un sotto, è una specie di ruota. Noi vediamo solo ciò che spunta. Un'onda alta tre metri ma lunga un chilometro ha un raggio immenso. Quando s'avvicina alla costa s'innalza e s'accorcia. Se il vento è di terra si alza ancora di più.


Il vento è da nord e l'onda è solo di tre, quattro metri, ma quando s'abbatte corre per mezzo campo da calcio. Un'onda di dieci non corre sulla spiaggia per il triplo della distanza: è la lunghezza che fa la differenza. Come negli tzunami.
Ma non sono lì per fare calcoli matematici. Sono lì perché voglio esplorare qualcosa di ancestrale che solo quel luogo conserva.

"Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai è stato complice della sua irrequietezza" - Joseph Conrad

Dovevano essere irrequieti, i portoghesi, per sfidare ogni giorno qualcosa del genere fino al punto di insegnare al mondo come navigare. Colombo, quello che osò il grande balzo, come uomo di mare si era formato con loro. Era, di fatto, un portoghese. Sì, ci riuscirono i vichinghi prima di lui, ma l'ufficio stampa vichingo fallì nel farlo sapere in giro, e oggi il mondo non festeggia il il Red Erik Day, ma il Columbus Day.

Sto divagando. Torno a quel senso d'inquietudine che ti dà l'oceano in tempesta. Anche se il Mare Nostrum può essere più infido. Il Maestrale monta onde alte e corte i poche ore, come succede in scala minore nei laghi alpini. Ma un conto è sapere cosa c'è di là, un conto è non saperlo. Ma anche sapere che di là ci sono migliaia di miglia nautiche non aiuta la testa. Ci vuole un bel coraggio. Oggi tutto è appiattito. Fai la fila al check-in, passi i controlli, ti siedi su una poltrona comoda e in poche ore sei dall'altra parte. 

Mia madre quel mare l'attraversò da piccola: da Buenos Ayres a Genova. Un altro in famiglia lo fece al contrario, da Trieste a Buenos Ayres, dove naufragò. Fu l'unico superstite, aveva dodici anni. Era scappato di casa per imbarcarsi come mozzo. Mia madre e mia nonna fuggivano dalla guerra del Chaco. Mio zio da se stesso. Mia madre ebbe sempre paura di 'quel mare scuro che si muove anche di notte e non sta fermo mai'. Amava le spiagge turchesi.

La tempesta peggiore l'ho vista nel Med. Allora pensai di morire. Oggi mi viene da ridere, ma non c'era niente da ridere. Non era solo la tempesta, il mal di mare (scoprii in quel frangente di soffrirne) mi aveva ridotto a uno zombie. Difficile pensare positivo mentre tagli le vele col coltello e stai vomitando.



Sono a Nazaré perchè voglio vedere l'oceano con gli occhi di un uomo di cento, cinquecento anni fa. Voglio indovinare i suoi pensieri, l'inquietudine che si prova a dormire con quel fragore che entra nei sogni. Ho vissuto quasi sempre al mare, a due passi dal mare, praticamente in spiaggia. Ho sognato spesso onde gigantesche, trasparenti. Onde che possono distruggere città. Io ci nuotavo dentro, ero l'unico superstite e l'onda mi risucchiava nel suo ventre, mi sollevava in cima al mondo. Ho indagato spesso quell'estasi mista a terrore. Non era esattamente un sogno o una visione, in onde oceaniche belle grandi mi ci ero ficcato davvero. 

Le vedo.
Sono le imbarcazioni dei balenieri che s'infilano nel bianco d'uovo montato, i marinai spingono come invasati. Le prue si alzano quasi in verticale, ma loro non si arrendono. Sono lunghe perché devono tagliare l'onda come un coltello, non assecondarla. I marinai saltano a bordo e remano. In un attimo sono fuori dal surf, e l'occhio spazia sull'orizzonte infinito. La libertà è la legge cui scegliamo di adeguarci. La cera di un capodoglio illuminerà le case sulla costa. Niente a che vedere con le baleniere norvegesi o giapponesi, no. Quei marinai là erano altra roba.

Il mio viaggio si concluderà tra pochi giorni, al Museo Marittimo di Belem e al Monasterio dos Jeronimos, dedicato ai naviganti, ma nessun satori.
Davanti a loro e a quel mare restiamo tutti 'con quella faccia un po' così, quell'espressione un po' così', perché quei marinai andavano, senza le app sul meteo, andavano spesso a naso e a volte funzionava, ma a volte no. Non possiamo sederci comodi e chiamarli ingenui, avevano davanti la più grande incognita umana, ma l'affrontavano lo stesso, con quello che avevano in mano. Con le loro mani salate.

Questo ho capito, a Nazaré.





2018 © claudio di manao 
- vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza il consenso dell'autore -

7 ott 2018

barbecue



Vai al barbecue di Figli di una Shamadura anche qui 

L’ammetto: il barbecue sulla spiaggia dopo una giornata di immersioni vale quanto le immersioni stesse. Davanti alla luce rossiccia anche i cuori più duri si sciolgono. S’innescano flirt e partono narrazioni eroiche. Il barbecue sulla spiaggia, come la birra (che ai barbecue partecipa sempre) è parte integrante del rituale sociale del subacqueo. Un rituale le cui radici affondano nell’uomo delle caverne.
Purtroppo gli italiani, con qualche rara eccezione, non sanno cos’è un vero barbecue. Non cominciate a dire che noi siamo i migliori del mondo e bla-bla. Mediamente siamo tutti molto capaci in tante altre cose, ma sul barbecue siamo come quei popoli che servono la nostra sacra pasta come contorno. Prendiamone atto e cominciamo a lavorarci su.

Il sacrilegio più frequente è la fiamma. Non la fiamma alta, la fiamma. La lingua Italiana è estremamente chiara: grigliare non è sinonimo di bruciare, incendiare, carbonizzare. Grigliare significa: mettere sulla griglia. La VERA cottura alla brace è una cottura agli infrarossi e non un annerimento da fiamma ossidrica.

Un altro sacrilegio frequente è l’uso di combustibili balordi. Il carbone in pallottole sa di petrolio, esattamente come il carbone dei riscaldamenti. Se vi piace il peperone aromatizzato al petrolio usatelo, se no passate alla carbonella naturale, quella fatta di piccoli pezzi di specie arboree. La scelta migliore è la legna vera e propria. Preferibile la quercia. Lasciate stare l’abete che sa di resina. I vecchi mobili dell’Ikea sono tossici come ogni truciolato, composto per lo più da colle.

Esaurita la galleria dei Grandi Orrori (ce ne sono di minori) passiamo alla procedura corretta. Richiede tanta pazienza e tanta concentrazione (cit. Jamie Oliver)

Come si accende un barbecue. Per prima cosa si mette la legna, o la carbonella vegetale. Sopra la griglia. Sotto possono starci arbusti e carta. Possibilmente non di giornale. Se sono riusciti a impedire agli inglesi di servire il ‘Fish&Chips’ nelle pagine di TheSun vuol dire che la carta di giornale è VERAMENTE tossica. NON usate diavoline o altri starter, sanno di polistirolo. Quando il combustibile ha preso bene rovesciatelo nella caldera. Soffiate o ventilate con una pinna per incoraggiarlo nella sua grande missione. NON usate bombole, né erogatori in continua.

Distribuite la brace creando una zona meno calda (con meno brace) e una più calda (con più brace). L’ideale sarebbe avere due barbecue: uno per fabbricare brace l’altro per cuocere, ma non è sempre possibile in una spiaggia remota. NON distribuite la brace con la pinna. La brace va rimuginata durante tutta la seduta. È un lavoro.

Valutare la temperatura giusta. L’unico modo corretto per farlo è usare la vostra manina. Personalmente mi fido (tra i tanti) del sistema sudafricano: mettete la mano a 5cm sopra la griglia e iniziate a contare. Se a dieci la ritraete urlando la temperatura è giusta per una cottura lenta, quella migliore per il manzo e le verdure. Se urlate a sei va bene per il pollo e le costine, che devono caramellare. Le salsicce, ebbene sì, cuociono alla temperatura del manzo, solo che ci restano più a lungo. 

Abbrustolire per poi tenere in caldo è un orrore galattico: equivale a mummificare. La procedura è sempre inversa: dal meno caldo al più caldo: prima si cuoce, poi si rosola. Il contrario di quello che vi hanno raccontato le vostre nonne. Se avete voglia di leggervi il pistolotto sulla ‘reazione di Maillard’ andate su Wikipedia. Contraddice le nonne.

Marinare o spennellare? Marinare non ha eguali, meglio se tutta la notte, ma spesso i barbecue sulla spiaggia partono da improvvisazioni. Spennellare È OBBLIGATORIO, soprattutto se non si è marinato prima. La marinatura aumenta il sapore, solo in misura minore la morbidezza delle carni. La morbidezza dipende essenzialmente dalla temperatura di cottura. Bassissima.

Vegetariani. L’idea di mettere le loro verdurine sulla griglia dopo che agnelli, manzi, pesci e maialini hanno rilasciato lì i loro grassi sui ferri, li fa giustamente inorridire. Da barbecuriano carnivoro quale sono, ho commesso più volte questo errore. Mea culpa. L’ideale è organizzare una zona ‘dedicata’ ai vegetali. La soluzione di ripiego è cuocere prima i vegetali e poi le carni. Se non c’è un barbecue di supporto (per fornire altra brace) si può procedere ridistribuendo continuamente le braci. I vegetali, come tutto il resto, NON amano la fiamma viva. 

Adesso che ho comunicato i ‘fundamentals’ per un vero barbecue, regolatevi anche voi con me. Se mi volete procedete in questo modo. Se non siete sicuri, faccio io. Se considerate la fiamma alta un buon metodo, aspettatevi che me ne torni in acqua a giocare col plancton bioluminescente.

Questo articolo è stato pubblicato su ScubaZone#41

Se invece volete sapere come non  fare un barbecue e come siamo quasi riusciti a distruggere un bel condominio sul mare, lo trovate in Figli di una Shamandura